76-Affresco Bonifacio VIII atterrito dal terremoto di Vincenzo Manenti

L’affresco ricorda i fatti seguiti al terremoto del 1298, quando il papa Bonifacio VIII, accompagnato da due ecclesiastici e accolto da un domenicano trova rifugio nel convento di S. Domenico. Sulla sinistra alcuni operai sono occupati nella costruzione di una casetta di legno proprio nel chiostro della chiesa. Nell’affresco è visibile un blocco di pietra con lo stemma del papa. Il fregio parietale rinvenuto nel 1960 presenta, all’interno di finte cornici dipinte, alcune scene salienti della vita della città. Ogni episodio è intervallato da uno stemma, sorretto da due putti nudi, ed è completato da cartigli dorati con iscrizioni latine che identificano i personaggi e le storie narrate. Il fregio parietale, attribuito al pittore sabino Vincenzo Manenti può essere datato agli anni 1644-1655, come testimoniato dalla presenza dello stemma pontificale di Innocenzo X. L’opera, in occasione del restauro del 1778, fu arricchita con l’aggiunta degli stemmi angolari.

1644-1655

Affresco in situ